Ultima modifica: 9 dicembre 2015

Accoglienza

Ogni qualvolta un giovane viene introdotto in un nuovo contesto di relazione inizia la costruzione di un rapporto significativo con le persone, i luoghi e le dinamiche che caratterizzano tale contesto.

Questo lo porta a riorganizzare il suo schema di comportamento, il mondo delle sue conoscenze e delle sue certezze, innesca nuovi interessi e motivazioni, crea nuove aspettative, produce una diversa percezione di sé , lo porta inevitabilmente a riflettere sulle proprie capacità, sulla sua possibilità di successo, alla consapevolezza delle scelte fatte; in buona sostanza, ogni nuova esposizione ad esperienze di studio e di vita, incide in maniera irreversibile sul suo processo di sviluppo.

Da qui, la necessità di tutelarlo con forme e strumenti adeguati, in questo passaggio cruciale dalla scuola media alla superiore, passaggio coincidente con una modificazione profonda della sua condizione affettiva, morfologica, psicologica, sessuale.

Intenderemo quindi per accoglienza, ogni intervento attuato per facilitare il passaggio del giovane studente da una condizione precedente ad una successiva, dall’ingresso nel corso di studi, al passaggio da un anno scolastico all’altro, dal triennio al biennio finale, alla maturità.

Le attività di accoglienza sono finalizzate a fornire l’inserimento delle classi prime attraverso la conoscenza individualizzata degli alunni ed alla prima strutturazione di gruppi classe funzionali, sia per quanto riguarda le conoscenze strumentali che per quanto riguarda gli stili cognitivi, le capacità e modalità di relazione interpersonale.

You’re welcome

  • Colloquio preliminare di conoscenza dei ragazzi, relativamente alle motivazioni ed alle aspettative, presentazione delle caratteristiche dell’indirizzo scolastico (profilo in uscita, curricoli, discipline di studio)
  • Lo spazio e la scuola: visita guidata agli spazi di studio, di lavoro, alle mansioni, alle funzioni ed all’organizzazione della scuola (orari, ruoli, riferimenti)
  • Partecipazione alla vita scolastica: le regole, le norme, le consuetudini, i diritti, organi collegiali, funzione ed organizzazione delle assemblee di classe, rappresentanze
  • Che tipo di studente sono: dialogo educativo con l’alunno per aiutarlo, attraverso la riflessione su alcune tematiche dell’adolescenza, ad osservarsi e descriversi, oralmente e per iscritto; riflessioni sui propri stili cognitivi e sulle metodologie che facilitano l’apprendimento
  • Introduzione alla conoscenza del proprio stile di apprendimento, ad un corretto e proficuo metodo di studio